Documenti Richiesti per il Prestito Cambializzato a Domicilio

Avete mai sentito parlare di prestiti a domicilio? Di cosa si tratta? In sintesi, un agente della banca si reca presso il domicilio del cliente per stipulare un preventivo e, nel caso, anche un contratto di prestito. Sono pochissime le banche che effettuano questo tipo di servizio e quasi tutte rientrano tra quelle che erogano i prestiti con cambiali.

Proprio per questo motivo sentiamo spesso parlare dei prestiti cambializzati a domicilio, finanziamenti quindi dove la banca invia a casa del cliente un suo consulente col fine di stipulare in loco un contratto di prestito personale con cambiali.

Con i prestiti cambializzati a domicilio il cliente potrà stipulare il contratto di finanziamento direttamente a casa sua, senza doversi recare personalmente presso la filiale dell’istituto bancario.

Si tratta quindi di un semplice servizio di comodità che potrebbe risultare essere utile soprattutto in quei casi dove si vive in un luogo dove non vi è alcuna società finanziaria che offre dei prestiti cambializzati e la più vicina si trova a diverse decine di km.

Documenti Prestiti Cambializzati a Domicilio

Anche se il consulente verrà a casa tua è giusto, per rispetto e per correttezza, farsi trovare già con i giusti documenti pronti. Sarà quindi necessario procurarsi le fotocopie delle ultime due buste paga o del CUD o del cedolino della pensione. Servirà anche la fotocopia di un documento d’identità ed un’altra del proprio codice fiscale.
Se il denaro dovrà essere versato sul conto corrente sarà necessario premunirsi del codice IBAN del conto in cui si desidera che il denaro venga accreditato.
Nel caso in cui il cliente dovesse utilizzare come garanzia alternativa ad un documento reddituale il proprio appartamento sarà opportuno effettuare le dovute fotocopie di tutto ciò che testimonia la proprietà dell’abitazione.

Erogazione del denaro

Il denaro richiesto con un prestito cambializzato potrà essere erogato in due diverse modalità. La prima prevede l’accredito diretto sul conto corrente e proprio per questo motivo abbiamo ricordato al cliente di procurarsi subito il codice IBAN del proprio conto; la seconda modalità prevede invece che il cliente riceva un assegno circolare dell’importo desiderato. In questo caso l’assegno potrà essere spedito direttamente a casa del cliente una volta che la pratica viene approvata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *