Mobile Marketing verso il 2017

Di mobile marketing si è parlato spesso negli ultimi mesi 3 anni. 2015 doveva essere l’anno della effettiva esplosione del mobile marketing in Italia anche tra le piccole medie aziende. In realtà all’interno del mercato mobile in Italia si è reso conto che le piccole aziende ancora non sono pronte ad affrontare tipo di rivoluzione nella propria strategia di marketing, quando ne hanno una.

Il problema infatti è proprio nella mentalità delle piccole medie imprese italiane. Ad ogni modo chi tra queste aziende è più all’avanguardia è riuscito ad implementare all’interno del suo modo di comunicare anche strategie di mobile. Infatti nel 2016 si è assistito ad un incremento ulteriore dei metodi di utilizzo del mobile marketing.
Ormai quasi tutti i siti web aziendali sono di tipo responsivo.

Molte aziende hanno iniziato ad utilizzare software che permettono di integrare delle pagine web di atterraggio all’interno di sms nelle loro strategie di sms marketing. Non tutti hanno però iniziato utilizzare dei sistemi di newsletter adattabili ai dispositivi mobili ma ci arriveremo presto. Ancora pochissime aziende invece hanno iniziato a guardare alla realizzazione di applicazioni smartphone per la loro attività di comunicazione e di fidelizzazione della clientela.

Tutti gli strumenti tecnologici infatti con il passare del tempo vedono il loro il costo abbassarsi offrendo alle aziende la possibilità di potersi permettere un software in grado di portare la comunicazione aziendale ad un livello superiore a costi molto più contenuti.

Stesso discorso vale per le applicazioni mobile Mobile.

Ormai il loro costo è sceso di molto e non è più necessario dover pagare uno sviluppatore per realizzare l’applicazione del proprio negozio, se si tratta di un’applicazione con funzionalità di base, ma basta semplicemente trovare quelle aziende online che propongono la realizzazione di applicazioni a costi contenuti.
Su OK. It uno dei principali mobile Marketing Blog in Italia uno dei prossimi articoli parlerà proprio della realizzazione di applicazioni per negozi a basso costo.

Applicazioni per Android ed iPhone che per chi opera nel settore della piccola e media distribuzione possono diventare una vera e propria leva commerciale per fidelizzare e profilare la propria clientela.

Anche Facebook entra nel mobile marketing.

Dopo aver implementato modifiche strutturali alla sua piattaforma affinché possa essere maggiormente fruibile tramite smartphone Facebook, anche da un punto di vista pubblicitario con la realizzazione della sua applicazione inserzioni, ha deciso di entrare nel mobile marketing e più precisamente nel mobile commerce.
Infatti sono 450 milioni gli utenti iscritti ai gruppi di scambio e vendita di prodotti.
Proprio a tal proposito Facebook ha attivato la sua funzione di mobile commerce si chiama marketplace.

Mobile Commerce, il Marketplace di Facebook

Una volta entrati all’interno di Marketplace si potrà infatti navigare all’interno di una galleria di oggetti messi in vendita dagli altri utenti della propria zona.
Sarà possibile cercare qualcosa di specifico e si potranno anche consultare diverse categorie come ad esempio accessori, elettronica, abbigliamento, arredamento eccetera.
Sarà presente una funzione di ricerca che permetterà di settare anche alcuni parametri ad esempio la distanza dal venditore, la città di riferimento, la fascia di prezzo ed altro.
Ovviamente controllare una scheda del prodotto con una foto, la descrizione dello stesso, dettaglio sullo stato se è un prodotto usato o meno, così come sarà possibile controllare anche alcuni aspetti relativi al venditore.
L’unica cosa su cui Facebook fa chiarezza e che non si occuperà di pagamenti e spedizioni all’interno di Marketplace.
Sarà anche presente una sezione preferiti e una sezione apposta offrirà anche un riepilogo della propria attività sul marketplace di Facebook.
Insomma il mobile marketing ed il mobile commerce grazie a Facebook possono finalmente riuscire a dare una spinta considerevole a quello che è il social commerce.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *