Pet-Therapy e Parkinson: l’INRCA dice SI!

Il Cane, è sicuramente il miglior amico dell’uomo: si sa che sono tantissimi gli aspetti che accomunano i cani all’uomo: fin dall’alba dei sempre infatti, l’uomo ha imparato a condividere qualsiasi aspetto della sua vita con questi animali, che ricambiano sempre l’affetto. Sono tantissime infatti le persone che dedicano anima e corpo all’addestramento dei Cani, ai fini di migliorare la propria esperienza con loro.

Golden Retriever per la cura del Parkinson

Oramai, si sa che i cani (ma non solo) vengono utilizzati anche a scopi medici e terapeutici: parliamo ovviamente della pet-therapy, la terapia che offre sempre più risultati, grazie all’impegno di personale medico e non solo, che riesce a sopperire ad alcune insofferenze ed insufficenze ludiche, motorie di adulti e bambini.

Un Ulteriore passo avanti, è stato fatto con la pet-therapy, infatti secondo l’INRCA, l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, la pet-therapy sarebbe stata utilizzata per la cura del Parkinson, entriamo quindi nel dettaglio.

Pet-therapy e Parkinson: Scopriamo i dettagli

L’esperimento è stato molto semplice: all’interno del centro infatti, hanno preso diversi pazienti con un età superiore ai 70 anni, tutti malati di Parkinson. I Cuccioli, sono stati due: un Golden Retriever, ed un Beagle, entrambi di età giovanissima.

La gravità della malattia dei pazienti era varia, ma comunque generalmente, di livello medio basso: iniziavano infatti ad avere dei deficit motori, e si trovavano all’interno del centro per una sorta di tentativo di recupero delle proprie funzionalità Motorie.

Hanno iniziato a Gennaio 2016 con i Retriever a cercare di, in sedute da 30 minuti un paio di volte a settimana, far stare in contatto i pazienti con il Golden inizialmente, successivamente anche con il Beagle e fin da subito, i medici hanno notato dei miglioramenti davvero interessanti.

La terapia era davvero molto semplice: i pazienti dovevano innanzitutto prendersi cura delle operazioni basilari di cui i cani necessitano: Li accarezzavano, li spazzolavano dopo il bagno, e spesso e volentieri si occupavano anche di dare da mangiare al cane.

Piano Piano i dottori son riusciti a far compiere ai pazienti anche operazioni più dinamiche, come ad esempio il lancio della pallina (Attività in cui il Golden, essendo un Retriever, cane da riporto, si è dimostrato davvero il TOP), o più semplicemente hanno lasciato che i pazienti, portassero al guinzaglio i propri amici a 4 zampe.

I Dottori hanno capito che il contatto con il cucciolo ha stimolato nei pazienti un rilassamento (psicologico e muscolare) generale, ma anche le capacità affettive.

Questo rilassamento, ha placato nettamente il tremolio, la rigidità articolare e tutti altri deficit motori che il parkinson comporta).

Gli analisti hanno notato anche un netto miglioramento della depressione, che sembra essere del tutto scomparsa in molti pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *